Amo ergo sum

Amo ergo sum

Tutti i modi in cui puoi amare

Data diretta: 7 Marzo 2024
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
WhatsApp
Scarica il PDF
Tornando all’amore, ai vari modi dell’amore, i greci, gli antichi, ne conoscevano diversi. Sul libro e sul taccuino del Digiuno Immaginale ne troverete diversi. Sì, perché in fondo cibarci ha a che fare con l’amore, no? Quando mangiamo qualcosa che sia una carota, una mela, insomma, è una vita che ci si offre. Se non ha a che fare questo col sacro e con l’amore, non vedo che cos’altro possa rappresentarlo. Il darsi, l’offrirsi per amore e per questo vengono declinati tutti i tipi dell’amore.

Tra i molteplici la philia, l’amore fondato sull’amicizia. Dico sempre a mia figlia Adelaide di fare in modo che il suo ragazzo sia anche il suo miglior amico. Ecco, se riusciamo a far sì che il compagno o la compagna che abbiamo al fianco sia anche il nostro migliore, la nostra migliore amica. Quando c’è la philia, la relazione è bellissima. L’amicizia è lealtà, è sincerità, è sostenere l’altro e volerlo aiutare. Purtroppo, vedo tante relazioni, specialmente di coppia, in cui c’è la sessualità, tanti altri aspetti, ma non c’è l’amicizia e quindi uno non si fida dell’altro.

Sai, dire una cosa a un’amica ma non al compagno, proprio perché non c’è una relazione di amicizia. Quindi, Philia, l’amore, inteso anche come lealtà, sostegno reciproco, amicizia. Poi c’è Eros, l’aspetto più sensuale e passionale dell’amore, quello più sensoriale e più istintivo. È caratterizzato dall’unione erotica, dall’esperienza passionale.

Poi c’è Xenia, un altro aspetto importante dell’amore. Nell’antica Grecia la parola “xenia” indicava l’accoglienza dell’ospite. Chi è benedetto da questo tipo di amore è aperto agli altri, a fare nuove esperienze, nuove conoscenze. Ospita nella propria vita e viene arricchito dagli altri che entrano nella sua vita. Perché l’ospite porta sempre un regalo, un dono. Xenia è ospitalità e quindi comporta l’accoglienza di un’ospite che porta un dono, porta un regalo con sé.

Vuoi leggere il testo completo? Registasti GRATUITAMENTE qui
Morgan K Barraco

Morgan K Barraco