Amo ergo sum

Amo ergo sum

Suicidio assistito e aborto: l’opinione impossibile!

Data diretta: 29 Febbraio 2024
Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
WhatsApp
Scarica il PDF
In questa nuova diretta ho deciso di parlare di due temi molto delicati e poi vi spiegherò perchè ho deciso di unirli: il suicidio assistito e l’aborto. Mi avete scritto diverse volte per chiedere la mia opinione su questi due argomenti. Sono temi molto intimi e su cui è impossibile fare teorie, avere un’opinione. Sono quegli argomenti sui quali la mente non ha giurisdizione (sulla nascita, sulla morte), perchè appartengono a una dimensione liminale, tra il visibile e l’invisibile, tra l’umano e il divino. La ragione non può avere giurisdizione su questi temi e tantomeno dovrebbe averla lo Stato. Anche se si sa che al giorno d’oggi siamo arrivati a un punto in cui lo Stato entra in ogni anfratto della vita, degli individui, delle famiglie.

La visione dell’arcontato e la grande Terra di Mezzo

Il suicidio assistito e l’aborto appartengono non agli arconti, alle leggi, alle regole, perchè la nascita e la morte fanno parte dello Stato Intermedio, della Grande Soglia. Laddove il conscio, l’inconscio, il visibile e l’invisibile, l’umano e il divino si incontrano, ovvero ciò che noi chiamiamo l’immaginare. La grande Terra di Mezzo. Sarete portati a dire che ci vogliono comunque delle regole, una legge. Il che in realtà è assurdo e incredibile perchè è frutto dell’ipnosi di massa, che ci vuole rendere impossibile pensare di vivere senza una norma, che gli arconti, le leggi, le regole siano indispensabili. La grande Terra di mezzo. Sarete portati a dire che ci vogliono comunque delle regole, una legge. Il che in realtà è assurdo e incredibile perchè è frutto dell’ipnosi di massa, che ci vuole rendere impossibile pensare di vivere senza una norma, che gli arconti, le leggi, le regole siano indispensabili. Gli arconti, di fronte ai temi che riguardano la Grande Soglia, l’Immaginale, si trovano sempre in una direzione in cui, come accade in psicologia, ogni direzione che prendi sbagli. Come quando a Natale due persone distinte ti regalano entrambe un foulard, una sciarpa, e tu puoi metterne solo una. Perchè non puoi indossarle entrambe? Qualsiasi delle due deciderai di mettere, sbaglierai: una delle due persone ti chiederà spiegazioni. Vuoi leggere l’articolo completo? Registrsti GRATUITAMENTE qui
Morgan K Barraco

Morgan K Barraco