Il Nat 8, Thandawgán, Colui che protegge dai Veleni. L’arcano della Salvezza

  • 2 luglio 2019

Guarire i traumi del passato e del presente con la visione immaginale e la protezione del Nat 8

Il Nat 8 rappresenta un trauma del passato che si ripercuote nel presente e che va guarito.

Questo corpo è un'apparizione magica, è il riflesso della luna sull'acqua, un'ombra senza carne nè ossa, un miraggio che muta momento per momento, un sogno che la mente proietta. un'eco, un fantasma senza sostanza. Questo corpo è simile ad una nuvola che cambia forma continuamente, è un arcobaleno bello e vivido ma privo di sostanza, un lampo che rapidamente appare e svanisce. Questo corpo è una bolla che rapidamente si forma e scompare all'improvviso.  E' il riflesso in uno specchio, vividamente visibile ma privo di sostanza. .  (Keith Dowman, “La Danzatrice del Cielo, La Vita Segreta e i Canti di Yeshe Tsogyel”, Ubaldini - Roma).

Nella visione della psicologia immaginale, come nelle tradizioni spirituali, animiste e sciamaniche dei popoli, l’oggetto esiste unicamente come immagine dell’anima. Noi siamo I sognatori del nostro sogno e tutto è sogno, immagine, proiezione.

Fino a che gli eventi vengono vissuti come oggettivi, indipendenti dalla nostra facoltà di immaginarli, si è nel ruolo di vittima. Per passare dallo stato di vittima a quello di co-creatore della propria vita è indispensabile incominciare a sentire che gli eventi hanno una dimensione immaginale.

La vittima è in uno stato continuo di paura e di autodifesa e non può agire in modo creativo, non può lasciarsi andare e scoprire il nuovo.

L’immaginalista, colui che, grazie alla visione immaginale o a un cammino spirituale, ha superato il ruolo di vittima, riesce anche ad arrivare a sviluppare la visione della complessità del reale e a vedere come tuti gli eventi siano gli uni dentro negli altri e come, in verità, tutto accada ora, tutto accada proprio ora, in un eterno presente. Il senso del tempo lineare, al pari del materialismo, è un inganno della coscienza.

Se tutto accade ora e tutto è immagine, allora tutto può essere risolto, guarito, perdonato e trasformato.

Nella psicologia immaginale gli eventi son visti come immagini; ma immaginare non significa produrre immagini. Le immagini non sono un secreto del nostro cervello o del nostro cuore, anche il nostro cervello e il nostro cuore, sono, infatti, immagini. Immaginare significa evocare, cioè richiamare una presenza, una forza da una dimensione invisibile a una visibile. Queste presenze sono viste come anima. Ecco perché immaginare è detto il processo del fare anima. Le immagini sono parti dell’anima del mondo, sono spiriti, daimones, dei e dee.

Noi evochiamo immagini a mezzo di intenzioni profonde. Queste intenzioni, fino a che non si sia conquistata una stabile libertà interiore, sono frutto di un potente condizionamento familiare e sociale. A volte evochiamo immagini che sono fonte di traumi e sofferenza. Queste immagini permangono nel nostro campo energetico come spiriti perturbati e vanno pacificate.

La psicologia immaginale, nella sua pratica, è innanzitutto l’arte della pacificazione delle immagini. Quest’arte conosce due momenti fondamentali:

-       il riassorbimento del reale o ritiro delle proiezioni

-       la pacificazione delle perturbazioni

 Nel primo momento l’evento perturbato, cioè traumatico, del passato viene –attraverso apposite tecniche di visualizzazione attiva- riportato alla sua reale natura di sogno, apparizione, immagine Nel secondo momento viene pacificato.

La pacificazione richiede il risveglio di un’energia più elevata di quella nella quale normalmente l’individuo è abituato a vivere, inoltre comporta la capacità di affidarsi, di lasciarsi andare e di aprire il cuore.

I metodi di pacificazione delle immagini che risvegliano energie e consentono di andare oltre l’ordinario senso del controllo sono molteplici. Generalmente si preferiscono sistemi dolci, alla portata di tutti, ma comunque molto efficaci. Uno di questi, molto usato, e che io descrivo dettagliatamene in diversi libri e articoli, è la stella a cinque punte.

È necessario visualizzare l’immagine da pacificare contenuta in una stella a cinque punte e quindi attribuire a ciascuna delle cinque punte un’affermazione. Le cinque affermazioni per la pacificazione sono: ti benedico, ti ringrazio, ti perdono, ti amo, ho fede in te.

Ripetere più volte ad un immagine perturbata del presente o del passato queste affermazioni permette all’immagine di sciogliere la carica di rabbia, dolore o trauma che porta con sé e di trasformarsi da potenziale nemica della nostra realizzazione a potente alleata.

È un metodo semplice ed efficacissimo che la psicologia immaginale recupera dalle tradizioni spirituali antiche, un sistema collaudato nei secoli, antico quanto il mondo e sempre eccezionalmente attuale.

Altri metodi più sofisticati sono da portare avanti con l’aiuto di una guida esperta. Ma il primo passo si può fare subito.

Selene Calloni WIlliams

Il tuo carrelo è vuoto

Selene Calloni WIlliams
Selene Calloni WIlliams
Selene Calloni WIlliams

SELENE
CALLONI WILLIAMS